Chat with us, powered by LiveChat

La grande truffa
della pubblicità

Il libro che sta rompendo la pubblicità in Italia

Processing ...

Chi sono io per scrivere questo libro?

Alcuni mi accusano di aver rinnegato il mio vecchio lavoro. Ma io so da dove vengo, conosco la mia storia e che cosa c’è stato alla base ogni scelta che ho fatto nella mia vita, soprattutto da un certo momento in poi.

Ho rinnegato il mio passato? Forse qualcuno di voi potrebbe vederla così. Ecco perché questo libro. Per spiegare a costoro che cosa ho fatto veramente. Quello che ho fatto è stato liberarmi dalle catene della creatività fine a sé stessa.

Quello che ho fatto è stato rifiutare il destino di pubblicitario artista in cerca di fama che i tanti creativi di oggi si dedicano a rincorrere, in bilico tra desiderio e prigionia. Desiderio, perché la loro sete di fama li porta a dimenticare qualsiasi altra cosa non sia un Oscar dorato per la creatività a qualche Festival della pubblicità.

Prigionia, perché se il mondo dell’advertising si è ridotto a questi poveri diavoli, in fondo non è nemmeno colpa loro. E non è nemmeno colpa tua, caro imprenditore costretto a sottostare alle regole di un settore in preda al panico, alla confusione, all’approssimazione.

Dove andremo a finire lo scopriremo solo insieme, alla fine di questo libro.

Adesso è la mia storia che ti voglio raccontare, da dove è cominciato tutto, dagli anni della creatività, dei fallimenti, dei tradimenti, e il mio viaggio in una terra maledetta e piena di ostacoli alla ricerca di know how perduti e Grandi Maestri dimenticati del mondo della pubblicità.

Tutto ciò che ho passato in questi ultimi anni mi ha portato a essere quello che sono adesso. Ed è proprio di questi ultimi due anni che ora voglio raccontare, partendo però da un po’ più indietro col tempo, quando il viaggio rivoluzionario che ho intrapreso non era nemmeno lontanamente previsto e la mia vita era una vita tutto sommato normale.

Intendiamoci. Io non sostengo che la creatività debba essere estirpata totalmente dal mondo della pubblicità. Sostengo fermamente però che oggi i creativi abbiano accantonato le basi della vendita su stampa, sostituendole con le basi per ottenere premi a Cannes, che stanno tutte nella “creatività fine a sé stessa”.

Ecco, l’estirpazione deve esserci per quei “creativi olistici sfegatati”, che pensano solo al loro successo personale e non a quello dei propri clienti.

È un processo che va avanti proprio da quegli anni ’90 in cui mi sono trovato anche io a operare. In quegli anni il mercato si sviluppava velocemente e la pubblicità dimenticava il prodotto da vendere per delle storie emozionanti e creative che colpissero il cuore del consumatore.

Livraghi, nel “Nuovo libro della pubblicità”, scriveva:

Un prodotto è ogni cosa che ha la proprietà di essere adatta a soddisfare, direttamente o indirettamente, un’esigenza umana. Quindi il prodotto è ciò che la campagna pubblicitaria deve vendere. Ciononostante, alcuni pubblicitari (troppi!) dimenticano spesso questo principio.

Il modo più esatto di recensire – La Grande Truffa della Pubblicità – sarebbe citando la super nota pubblicità “O Così o Pomì”. Potete leggervi una barcata di testi classici (mi raccomando, la keyword è CLASSICI. Parlo di Ogilvy, Reeves, Hopkins, Ries… non le scemenze pop degli ultimi anni) e ottenere da soli la “polpa” e il “succo” della pubblicità-come-va-fatta-perché-sia-buona (leggi: faccia vendere) oppure leggervi questo libro che Cosimo Errede ha già fatto tutto il lavoro per voi.

Ma questa cosa la scriveranno in tantissimi nelle recensioni.

Allora voglio portare in luce un’altra cosa, che non è molto marketing, e anche molto poco interessante da scrivere quando si recensisce un libro professionale, ma per me è eclatante è la voglio scrivere: Cosimo Errede è prima di tutto una persona corretta e leale.

Leggendo il libro è palese la serietà e l’umiltà con la quale ha messo da parte un bagaglio fuorviante ma messo insieme in anni di lavoro per ripartire da zero a impostare tutto il suo metodo di lavoro.

Quello che ne è venuto fuori è un corposo testo che ha svelato con la forza di un mastino le sciocchezze sulle quali oggi le Big Agency of Advertising basano le loro campagne facendosi dare dai clienti valanghe di soldi che non rivedranno mai più.

Qualcuno lo doveva fare, non piacerà a molti ma è davvero tempo che certe pratiche inutili e ormai date per scontate venissero rinchiuse in un libro e fatte conoscere, soprattutto ai clienti delle agenzie.

Filippo Giunti

Libro che parla di verità scomode per molti, un testo immancabile per chi ha un’attività, ma fa bene anche a molti addetti ai lavori che hanno smarrito la retta via, complimenti all’autore.

Claudio Rizzioli

Il libro che avrei voluto scrivere.

Avete presente la frase “i mercati sono conversazioni”?
Bene, resettate tutto.

Cosimo rompe ogni equilibrio svelando cosa succede veramente nel mondo della pubblicità.

Fantastico.

Michele Da Rold

Perché dovresti acquistare SUBITO questo libro?

Perché forse non sai che in questo momento la pubblicità che paghi sta portando soldi direttamente nelle tasche dei tuoi competitor.

Ti spiego una cosa. Ecco che accade quando una pubblicità non contiene alcuni elementi strategici fondamentali (i 4 canoni della Regola Errede)?

  1. Il potenziale cliente si ricorda grazie alla tua pubblicità che deve comprare quel prodotto. Esce di casa (o va online) e lo acquista dal leader di settore (purtroppo per te quasi sempre non sei tu).
  2. Il potenziale cliente si ricorda grazie alla tua pubblicità che deve comprare quel prodotto. Esce di casa (o va online) e lo acquista dal tuo competitor generalista a basso costo.
  3. Il potenziale cliente in effetti non è tale. Non è interessato a compiere alcun acquisto.

Nei primi due casi hai regalato soldi e clienti ai tuoi competitor. Nel terzo caso hai semplicemente buttato il tuo denaro.

Allora vuoi sapere come fare per evitare che questo accada?

Semplice. Acquista il libro.

 Se vuoi puoi dare una sbirciatina

Scarica gratuitamente
un capitolo del libro

Advertising Diretto srls
via Aosta 49 00183, Roma
Tel: 06 91501260
P.IVA 14328551008

Privacy Policy
Cookie Policy

Contatti

7 + 3 =